fbpx

mod_eprivacy

Error: Specified module position doesn't exist or is blank!
Top Panel

Tourism Management|idee, trend e soluzioni

come pubblicizzare un ristorante

 

Come promuovere un ristorante o un bar?

Avere una buona reputazione on-line.

Comprendere, oggi, come promuovere un ristorante non è un "affare" da poco conto.

In un contesto societario sempre più dinamico ed evoluto, ma soprattutto in continuo mutamento, un ristorante “vive” una sostanziale modifica dei propri fattori di successo. In passato, un risultato positivo poteva in larga misura attribuirsi alla “buona capacità” di gestire il corrente e il routinario, nel terzo millennio non è più così.

 

Quanto una buona reputazione on line di un ristorante incide sul rapido apprezzamento da parte del consumatore e sulla sua decisione di acquisto?

È certo, sempre di più un utente, prima di prendere una decisione, cerca informazioni in rete e la maggior parte delle volte decide di spendere il proprio tempo e il proprio danaro in ristoranti già favorevolmente recensiti, e quindi apprezzati.

 

Secondo Tripadvisor

Che le recensioni positive, secondo TripAdvisor, attirino più clienti verso il ristorante non è altro che la dimostrazione del potere della cosiddetta Riprova Sociale, ossia la tendenza psicologica dell’essere umano a ritenere maggiormente validi i comportamenti o e le scelte che vengono effettuati da un elevato numero di persone (Robert Cialdini).

Gli studi hanno persino dimostrato che le recensioni positive producono mediamente un 18% di possibilità in più per il ristorante di essere scelto oltre che un 31% di propensione alla spesa in più da parte del cliente, nella fase della in-experience.

 

Le recensioni negative

Purtroppo, è stato anche riportato che il settore della ristorazione è il più colpito dalle recensioni negative e che anche una sola recensione negativa potrebbe costare, all’azienda che la riceve, la perdita di 30 potenziali clienti. In tali casi, rispondere alle recensioni on line può fare una grande differenza secondo TripAdvisor. Il sondaggio da loro svolto, infatti, afferma che il 65% degli utenti ha dichiarato che un’idonea risposta del gestore, ad una recensione negativa, migliora di gran lunga la percezione verso quel locale.

Nel gestire un ristorante, come durante i miei corsi sottolineo più e più volte, assicurarsi di offrire piatti gustosi e ben “confezionati” e un servizio in sala professionale oggi non è più sufficiente per conseguire i risultati di fatturato a cui si ambisce.

 

Piano di comunicazione

Anche un ristorante deve iniziare a gestire professionalmente la sua Net Reputation creando un Piano di Comunicazione attraverso il quale evidenziare gli obiettivi e le strategie per raggiungerli.

Inoltre:

 

  • sii onesto, premuroso, rispettoso e coerente anche online;

  • tratta gli utenti come vorresti essere trattato tu;

  • ascolta attentamente i feedback;

  • usa una buona netiquette.

“Che io possa avere la forza di cambiare le cose che posso cambiare, che io possa avere la pazienza di accettare le cose che non posso cambiare, che io possa avere soprattutto l’intelligenza di saperle distinguere.” (San Tommaso Moro)

 

dr.ssa Paola Imparato
piano di marketing per un ristorante
 
 

 

dr.ssa Paola Imparato

Hospitality Business Developer e Food (Web) Marketer

Oramai, sono quasi 20 anni che, in termini consulenziali e formativi, seguo con passione l'effervescente settore Ho.Re.Ca. Da tempo professo che partecipazione e creatività sono ingredienti essenziali per la riuscita di un'attività aziendale ristorativa, ma oggi è importante organizzarsi bene e compiere operazioni di marketing e controllo di gestione aziendale mirate al raggiungimento dei livelli di redditività desiderati. Ecco il perchè del mio blog.
Vivo a Bologna da 15 anni, ma sono una napoletana DOCG. Ho scritto due apprezzatissimi manuali di management della ristorazione: "Strategie di vendita per un ristorante di successo" e "Ristoratori si nasce o…?”, e da anni conduco con esperienza e professionalità corsi per Food and Beverage Manager, Restaurant Revenue Manager, Restaurant Web Manager e Camerieri 4.0 (esperienza di oltre 14.000 ore di aula).

Chi fosse interessato a contattarmi può farlo scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Come pubblicizzare un ristorante

 

 

Come attirare clienti in un ristorante: nuove idee per la ristorazione di domani

 

Durante il mio corso "Marketing Ristorazione Efficace nel 2019" spesso mi si dice:<<Oramai abbiamo sparato tutte le nostre cartucce, creare qualcosa di nuovo per attirare clienti in un ristorante è assolutamente impossibile>>.

Attualmente il settore ristorativo, dal mio punto di vista, è più che in evoluzione. Un fermento continuo di nuove mode, nuovi stili, nuovi cibi, oltre che un cambiamento nelle mentalità e nei modi di fruizione delle persone, rispetto al prodotto ristorante e all’alimentazione. Il tutto a una velocità veramente impressionante, basta guardarsi indietro di qualche anno per vedere uno scenario completamente diverso da quello odierno. Cosa aspettarsi per il futuro?

 

Quali le nuove idee per i ristoranti nuovi o rodati?

  • Le aziende dovranno darsi, sempre più, uno scopo sociale oltre a quello economico”, sostiene Kotler, il guru del marketing. Se per la gran parte delle aziende del settore Ho.Re. Ca (e non solo) l’unico scopo è l’utile alla fine dell’anno, da qualche tempo esistono le Benefit Corporation che sono, al contrario, imprese che decidono volontariamente di avere, oltre allo scopo di massimizzare il profitto, un impatto positivo sulle persone e sull’ambiente. Robert Shiller, premio Nobel per l’Economia nel 2013, sostiene che le Benefit Corporation avranno nel medio/lungo periodo risultati economici migliori di tutte le altre aziende;

  • Una delle principali trasformazioni che si percepirà, sarà la grande attenzione rivolta ai propri dipendenti (i clienti interni), oltre che ai propri clienti (i clienti esterni). Secondo The Marriott Hotel Corporation, “il cliente viene al secondo posto, mentre sono i dipendenti a essere al primo. L’hotel deve avere a disposizione dipendenti ben formati per potersi assicurare che il cliente torni una seconda volta”, così come un ristorante;

  • Anche l’”emozionalità” verso il cibo cambierà. Una ricerca condotta sui contenuti di Pinterest avrebbe dimostrato che, se in passato i comfort food, notoriamente cibi a cui ricorriamo per soddisfare un bisogno emotivo, erano spesso ipercalorici e legati a ricordi “sentimentali” dell’infanzia, oggi l’idea si sta spostando verso tutto ciò che è salutare e a basso contenuto calorico. Ciò si è dedotto dopo aver osservato la continua correlazione (+336%) tra l’espressione “comfort food” e la parola “veggie”;

  • Secondo uno studio realizzato da TheFork, i luoghi in cui si prepara e consuma il cibo saranno sempre più digitali. Effettuare ordinazioni dei piatti direttamente dallo smartphone, pagare il conto con un’apposita app, personalizzare il piatto con un click, dare un voto al servizio o alle capacità culinarie dello chef sulla pagina web del ristoratore, sarà sempre più comune.

 

dr.ssa Paola Imparato

 

idee per attirare clienti in un ristorante

 

 

 

dr.ssa Paola Imparato

Hospitality Business Developer e Food (Web) Marketer

Oramai, sono quasi 20 anni che, in termini consulenziali e formativi, seguo con passione l'effervescente settore Ho.Re.Ca. Da tempo professo che partecipazione e creatività sono ingredienti essenziali per la riuscita di un'attività aziendale ristorativa, ma oggi è importante organizzarsi bene e compiere operazioni di marketing e controllo di gestione aziendale mirate al raggiungimento dei livelli di redditività desiderati. Ecco il perchè del mio blog.
Vivo a Bologna da 15 anni, ma sono una napoletana DOCG. Ho scritto due apprezzatissimi manuali di management della ristorazione: "Strategie di vendita per un ristorante di successo" e "Ristoratori si nasce o…?”, e da anni conduco con esperienza e professionalità corsi per Food and Beverage Manager, Restaurant Revenue Manager, Restaurant Web Manager e Camerieri 4.0 (esperienza di oltre 14.000 ore di aula).

Chi fosse interessato a contattarmi può farlo scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Come gestire un ristorante

 

 

Gestire un ristorante di successo: i 9 fondamentali "segreti"

 

 

 

Come gestire un ristorante di successo.

Gestire un ristorante di successo è da sempre un “sogno” di tanti. Come affermo durante il mio corso "Come Gestire un Ristorante nel 2019", oggi il must di ogni nuovo (ma anche “vecchio”) ristoratore è avere le idee molto chiare su come “spingere” il proprio locale verso una gestione efficace e che duri nel tempo. Pertanto, e al fine di creare un supporto veloce e facilmente ricordevole, ho cercato di racchiudere i “fondamentali” in 9 punti.

 

I 9 fondamentali "segreti" per gestire con successo un ristorante nel 2019

 

  1. Un ristorante è un’azienda e il prodotto che vende non è il cibo, ma un’esperienza fatta anche di cibo.

  2. Non può esistere e resistere sul mercato ristorante per il quale non sia stata stabilita la missiondalla quale scaturirà un’organizzazione efficace.

  3. Qualsiasi progetto si voglia realizzare per il proprio locale deve avere specifiche regole di pianificazione, programmazione, organizzazione e controllo.

  4. Costruire la “cultura del noi” è una condicio sine qua non di un ogni ristorante moderno.

  5. Combattere i conflitti in azienda è necessario, ma stimolare i contrasti lo è altrettanto.

  6. Non bisogna mai dimenticare che il cliente è un collaboratore, ideatore e “azionista” del locale e soprattutto che è colui che ha sempre la piena libertà di scegliere il proprio fornitore di beni e servizi.

  7. Avere sempre una chiara visione di ciò che si vuole raggiungere è necessario.

  8. Comunicare un cambiamento significa esporlo non solo razionalmente, ma anche emotivamente all’intera squadra.

  9. Bisogna sempre dare una motivazione ai “no” sia verso il cliente interno sia verso il cliente esterno. 

 
dr.ssa Paola Imparato

 

GUARDA I MIEI VIDEO DI MARKETING DELLA RISTORAZIONE

 

 

gestire un ristorante

 

 

 

dr.ssa Paola Imparato

Hospitality Business Developer e Food (Web) Marketer

Oramai, sono quasi 20 anni che, in termini consulenziali e formativi, seguo con passione l'effervescente settore Ho.Re.Ca. Da tempo professo che partecipazione e creatività sono ingredienti essenziali per la riuscita di un'attività aziendale ristorativa, ma oggi è importante organizzarsi bene e compiere operazioni di marketing e controllo di gestione aziendale mirate al raggiungimento dei livelli di redditività desiderati. Ecco il perchè del mio blog.
Vivo a Bologna da 15 anni, ma sono una napoletana DOCG. Ho scritto due apprezzatissimi manuali di management della ristorazione: "Strategie di vendita per un ristorante di successo" e "Ristoratori si nasce o…?”, e da anni conduco con esperienza e professionalità corsi per Food and Beverage Manager, Restaurant Revenue Manager, Restaurant Web Manager e Camerieri 4.0 (esperienza di oltre 14.000 ore di aula).

Chi fosse interessato a contattarmi può farlo scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

food and beverage

 

 

 

Il Food & Beverage Manager Job

Chi è il F&B Manager e cosa deve saper fare per essere assunto e svolgere bene il suo lavoro.

 

Secondo il magazine Panorama il Food & Beverage Manager, oggi, è tra i 12 profili aziendali più richiesti sul mercato del lavoro. E' una figura professionale che prevede svariate responsabilità e il suo ruolo è occuparsi della gestione dei reparti bar, cucina, ristorante, assicurando la ricerca e l’ottimizzazione della qualità di prodotti e servizi, la soddisfazione dei clienti, il controllo dei costi operativi.

 

Il Food & Beverage Manager è un Project Manager

Durante i miei Corsi di Food and Beverage Manager i discenti comprendono che per ottemperare alle numerose responsabilità nel modo corretto, bisognerà che l’aspirante F&B Manager si reputi un Project Manager.

Il compito di un Project Manager, infatti, è di pianificare, coordinare, gestire e monitorare l’andamento di un progetto e portarlo a conclusione, rispettando scadenze e budget. Ogni attività nell’F&B Department, dunque, dovrà essere considerata come un “progetto”, con un inizio e una fine; in tal modo, e indubbiamente, si raggiungeranno più facilmente i risultati organizzativi ed economici a cui si anela.

 

Essere un professionista del Food and Beverage Management, i 5 punti essenziali

 

Reclutare i “giusti” dipendenti

Essere in grado di identificare e reclutare dipendenti di qualità è fondamentale, ancor prima occorre, però, che tu abbia ben chiare le attitudini e le competenze che la persona scelta dovrà possedere per adempiere al meglio alle attività che sono proprie dell’organizzazione di cui andrà a far parte.

 

Delegare

La delega è un processo innaturale, bisogna allenarsi. I project manager, però, sanno che non possono fare tutto da soli, senza una squadra non esiste una posizione di gestione. Se il tuo primo istinto, dunque, è fare da solo, fai un passo indietro e pensaci meglio.

 

Essere un leader

Molto spesso, quando si gestiscono le risorse umane, si tende a concentrarsi solo sulle loro abilità tecniche, non comprendendo che gli aspetti emotivi della persona sono fondamentali per preservare il capitale intellettuale di un'azienda. Non dimenticare mai che un dipendente felice è un molto più produttivo.

 

Essere chiaro

Fai pieno affidamento sulla squadra che hai a disposizione per portare a compimento le tue idee, attenzione però, loro non saranno in grado di realizzare ciò che hai deciso a meno che tu non fornisca indicazioni e direttive chiare, non solo sul “particolare” ma anche sul progetto nel suo complesso.

 

Valutare e gestire i rischi

Ogni attività presenta dei rischi, e se una campagna fallisce inaspettatamente a causa di un rischio che hai trascurato di prendere in considerazione sei tu che alla fine sarai ritenuto responsabile. Devi essere sempre in grado di valutare e gestire i rischi, e questo è vero non solo dal punto di vista dell'implementazione del progetto, ma nel suo complesso.

 

dr.ssa Paola Imparato

 

food and beverage manager

 

 

 

dr.ssa Paola Imparato

Hospitality Business Developer e Food (Web) Marketer

Oramai, sono quasi 20 anni che, in termini consulenziali e formativi, seguo con passione l'effervescente settore Ho.Re.Ca. Da tempo professo che partecipazione e creatività sono ingredienti essenziali per la riuscita di un'attività aziendale ristorativa, ma oggi è importante organizzarsi bene e compiere operazioni di marketing e controllo di gestione aziendale mirate al raggiungimento dei livelli di redditività desiderati. Ecco il perchè del mio blog.
Vivo a Bologna da 15 anni, ma sono una napoletana DOCG. Ho scritto due apprezzatissimi manuali di management della ristorazione: "Strategie di vendita per un ristorante di successo" e "Ristoratori si nasce o…?”, e da anni conduco con esperienza e professionalità corsi per Food and Beverage Manager, Restaurant Revenue Manager, Restaurant Web Manager e Camerieri 4.0 (esperienza di oltre 14.000 ore di aula).

Chi fosse interessato a contattarmi può farlo scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Business Plan Ristorazione

 

Il Business Plan di un Ristorante, elemento imprescindibile per aprire un ristorante e avere successo

 

Aprire e gestire un locale non è un’operazione semplice, avere “le idee chiare” di cosa si andrà a fare, come lo si farà e quali gli “oneri” e gli “onori” che ne verranno è il primo passo da compiere. Come affermo durante il mio corso "Il Food and Beverage Manager 4.0", mettere nero su bianco il tutto attraverso un Business Plan potrebbe, indubbiamente, dare la “piena prospettiva” delle cose.

 

Come si stila un Business Plan di un Ristorante?

In aula spesso mi chiedono come si stili un Business Plan. Innanzitutto c’è da dire che si tratta di un progetto, completo in ogni suo dettaglio, che getta le fondamenta dell’impresa e le garantisce maggiori probabilità di sopravvivenza. Molte idee imprenditoriali, infatti, si inabissano dopo poco tempo, in quanto spesso sono frutto di decisioni prese con troppa superficialità o, purtroppo, copiando degli esempi di Business Plan di altre realtà aziendali. In pratica il Business Plan è un piano che individua gli obiettivi aziendali di medio/lungo termine, cioè si “esprime” sul futuro dell’azienda in termini di strategia, ricavi, costi e profitti.

 

Ma a cosa serve stilare un Business Plan per un Ristorante?

 

  • ottenere una conoscenza più approfondita e completa dell’attività che si va a intraprendere e del suo contesto;

  • definire gli obiettivi, le strategie e i programmi per raggiungerli;

  • facilitare un controllo regolare dell’andamento della società e della marginalità;

  • sostenere una richiesta di finanziamento.

 

La struttura di un Business Plan di un Ristorante in tutte le sua parti.

 

  1. sommario, che serve a riassumere il contenuto di tutto il Business Plan;

  2. descrizione dell’azienda, dalla mission ai suoi obiettivi;

  3. il “prodotto” ristorante che si propone, ossia cosa si vuole vendere e se ci saranno consumatori disposti ad acquistarlo;

  4. analisi del mercato;

  5. strategia di mercato e vendita, ossia quale “percorso” si vuole seguire per introdursi sul mercato;

  6. piano tecnico industriale, ossia come avverrà il processo produttivo e quali le tempistiche;

  7. aspetti legali, fiscali e amministrativi per lo sviluppo e la conduzione del business;

  8. budget

  9. l’organizzazione aziendale;

  10. analisi economico/finanziaria.

Di Business Plan per Ristorante ne ho stilati moltissimi nella mia vita e posso dire che oggi più che mai se si vuole “garantire un futuro” alla propria azienda ristorativa è impensabile pianificare e poi programmare la propria attività.

dr.ssa Paola Imparato

 

business planning

 

 

 

dr.ssa Paola Imparato

Hospitality Business Developer e Food (Web) Marketer

Oramai, sono quasi 20 anni che, in termini consulenziali e formativi, seguo con passione l'effervescente settore Ho.Re.Ca. Da tempo professo che partecipazione e creatività sono ingredienti essenziali per la riuscita di un'attività aziendale ristorativa, ma oggi è importante organizzarsi bene e compiere operazioni di marketing e controllo di gestione aziendale mirate al raggiungimento dei livelli di redditività desiderati. Ecco il perchè del mio blog.
Vivo a Bologna da 15 anni, ma sono una napoletana DOCG. Ho scritto due apprezzatissimi manuali di management della ristorazione: "Strategie di vendita per un ristorante di successo" e "Ristoratori si nasce o…?”, e da anni conduco con esperienza e professionalità corsi per Food and Beverage Manager, Restaurant Revenue Manager, Restaurant Web Manager e Camerieri 4.0 (esperienza di oltre 14.000 ore di aula).

Chi fosse interessato a contattarmi può farlo scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

i miei ultimi libri

come gestire un ristorante libro

 

come gestire un un ristorante libro

"

 

CONSULENZA RISTORAZIONE

Come attirare clienti in un ristorante

Come rilanciare un ristorante in crisi

Come calcolare i costi di gestione di un Ristorante

Come pubblicizzare un Ristorante

Login